Orologico Forum 3.0

Jean Lassale

alanford

  • *****
  • 6705
  • Ciampino
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #15 il: Aprile 08, 2015, 17:30:08 pm »
per contenere al massimo lo spessore,il calibro manuale, come si vede in foto,aveva i ruotismi imperniati da un solo lato,mancando la platina soprastante

dal che ne risulta l'intrinseca fragilità

nel calibro automatico questo non si verifica in quanto la platina mancante è surrogata dalla presenza del modulo di ricarica automatica

infatti il mio modello funziona perfettamente,anche se naturalmente non è da portare al polso mentre si effettuano pratiche sportive

L'intrinseca fragilità, più che all'assenza dei ponti, é legata alla scelta progettuale di imperniare i ruotismi su cuscinetti a sfera; sfere di circa 0.2 mm di diametro ciascuna. Filosofia progettuale condivisa in entrambe le macchine.
Il ponte dell'automatico sopperisce solo in parte conferendo maggiore rigidità flessionale al movimento, altro grave handicap del manuale, ma non risolve i problemi congeniti al progetto.
Il fatto che il tuo funzioni, non l'unico, in questo senso nulla rileva.
Non avesse avuto quei difetti conclamati sarebbe ancora in uso perché ha dimensioni eccezionali per le quali ogni casa d'alta orologeria farebbe carte false, come dimostrano i reiterati (anche relativamente recenti) tentativi di riportarlo in vita, purtroppo tutti con esito negativo per i suddetti insormontabili limiti di progetto.
Sono convinto che con un attento sviluppo e grazie ai moderni materiali (ceramica) e tecniche di produzione potrebbe ancora dire la sua, ma il tutto ha un costo che forse le case non ritengono opportuno sostenere, e forse richiede delle competenze che in pochi ancora posseggono.
Poi é una macchina che si é ormai costruita attorno una leggenda di inaffidabilità, investirci sopra forse un rischio che non vale la pena correre.

E ma senza ponti era l'unica strada, o i cuscinetti o le boccole!

Re:Jean Lassale
« Risposta #16 il: Aprile 08, 2015, 18:36:22 pm »
Un po' succinta e lacunosa la storia degli ultrapiatti ma dopo aver visto cotanta meraviglia personalmente ti perdono tutto.

Chapeau!



qui volevo trattare unicamente,come sono solito fare,cio' che ho in collezione e non parlare di orologi che non ho mai avuto personalmente, certamente la lotta all'automatico sottile nasce molto prima con i microrotori di Buren e di Universal Geneve ,seguiti a ruota da quello di Piaget

e non è detto che un giorno non allarghi il discorso..............

ad ogni modo della stessa natura ho già scritto qualche cosa anche qui

http://www.orologico.info/index.php?topic=19957.0

S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #17 il: Aprile 08, 2015, 19:45:22 pm »
Ma insomma, ste misure (del calibro e dell'orologio) le volete dire ad un ignorantone come me?

Che chicca!!

Complimenti al felice possessore
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

fabri5.5

  • *****
  • 12195
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #18 il: Aprile 08, 2015, 21:54:03 pm »
complimenti,veramente un bel pezzo! :P

Ma insomma, ste misure (del calibro e dell'orologio) le volete dire ad un ignorantone come me?

Che chicca!!

Complimenti al felice possessore

il calibro 2000 è 20.8mm x 2.08 di spessore,
il manuale 1200 1.2mm di spessore.


S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #19 il: Aprile 08, 2015, 22:10:36 pm »
complimenti,veramente un bel pezzo! :P

Ma insomma, ste misure (del calibro e dell'orologio) le volete dire ad un ignorantone come me?

Che chicca!!

Complimenti al felice possessore

il calibro 2000 è 20.8mm x 2.08 di spessore,
il manuale 1200 1.2mm di spessore.
Grazie Fabri.
Allora se non erro era ancora più sottile del Piaget 12P che dovrebbe fare 2,3mm con però tutt'altra affidabilità e robustezza.

Credo che il limite per avere calibri comunque affidabili sia stato raggiunto dal VC1003 (JLC803) per quanto riguarda i manuali e Piaget 12P per gli automatici.

Forse mettendo in campo R&D, quella vera, oggi riuscirebbero a fare di meglio, ma chi vuole cimentarsi in una simile impresa quando si può campare di rendita?
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

fabri5.5

  • *****
  • 12195
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #20 il: Aprile 08, 2015, 22:14:29 pm »
complimenti,veramente un bel pezzo! :P

Ma insomma, ste misure (del calibro e dell'orologio) le volete dire ad un ignorantone come me?

Che chicca!!

Complimenti al felice possessore

il calibro 2000 è 20.8mm x 2.08 di spessore,
il manuale 1200 1.2mm di spessore.
Grazie Fabri.
Allora se non erro era ancora più sottile del Piaget 12P che dovrebbe fare 2,3mm con però tutt'altra affidabilità e robustezza.

Credo che il limite per avere calibri comunque affidabili sia stato raggiunto dal VC1003 (JLC803) per quanto riguarda i manuali e Piaget 12P per gli automatici.

Forse mettendo in campo R&D, quella vera, oggi riuscirebbero a fare di meglio, ma chi vuole cimentarsi in una simile impresa quando si può campare di rendita?

si,però considera che nel 12p il rotore è integrato nello spessore del movimento,
in questo gira sopra il movimento.

S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #21 il: Aprile 08, 2015, 22:19:55 pm »
Si, lo so.
Però ai fini del raggiungimento dello spessore minore, qualsiasi soluzione è valida. Microrotori, rotori perimetrali, massa centrale. Il target da raggiungere è lo spessore minore (ed il buon funzionamento ovviamente), la strada libera.

In questo credo che qualcosa oggi si potrebbe migliorare ma chi glielo fa fare?

Vediamo JLC e VC con le masse perimetrali che sembrano funzionare bene......
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #22 il: Aprile 09, 2015, 01:32:01 am »
Io ho avuto due Lassale della partita VC primi anni 90, la ref. 34070 con il manuale 1160 e la ref. 34170 con l'automatico 1170. Il primo cinturino nero lucido, il secondo bordeaux come di moda all'epoca; li ricordo perfettamente pur avendoli avuti in mano per pochissimo tempo, forse i VC più belli di quel periodo piuttosto modesto per la casa.
Semplicemente, non funzionavano. Inchiodavano ogni due per tre, quando marciavano lo facevano con una cronometria chiaramente sballata.
Mandati in assistenza ufficiale più volte finché non furono loro stessi a proporre per tramite del concessionario la sostituzione con "altro" o il rimborso.
Accettai con sommo dispiacere, quegli orologi già all'ora mi facevano impazzire per il loro spessore, e allora io del Lassale sapevo poco o nulla come poco o nulla sapevo dei Piaget 9p e 12p.
Sapevo solo che gli orologi ultrapiatti ai miei occhi trasmettevano qualcosa di diverso, che percepivo "a naso" senza esserne consapevole.
Lo studio è venuto dopo e col senno di poi quegli orologi li avrei forse tenuti anche non funzionanti, soprattutto l'automatico che oggi non è di facilissima reperibilità.
« Ultima modifica: Aprile 09, 2015, 01:40:41 am da ciaca »
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

erm2833

Re:Jean Lassale
« Risposta #23 il: Aprile 09, 2015, 01:41:32 am »
Ehi, attenzione a non "provocare" Calendarmeto: dispone di molte frecce per il suo arco.
Anzi, diciamo che ha......una squadra di arcieri!!  ;) :)
Penso di ricordare discretamente la sua collezione.
A cominciare dagli Angelus.


Già, un topic magnifico:  ;) :)
http://www.orologico.info/index.php?topic=19064.0

Ricordavo bene,orologi magnifici!

Re:Jean Lassale
« Risposta #24 il: Aprile 09, 2015, 07:56:52 am »
Calendarmeto, vorrei farti un piccolo e chiaramente spiritoso appunto riguardo le tue presentazioni che, sia chiaro, mostrano gli unici orologi che mi interessano davvero su questo forum: Ti prego, cambia lo sfondo delle foto. Non si può guardare e imbruttisce gli orologi...
Grazie comunque di condividere queste rarità.



 le mie capacità informatiche sono molto modeste,ho spesso usato questo sfondo per caratterizzare i miei orologi,infatti ,in rete, ve ne sono tantissimi,e così uno sa immediatamente a chi appartengono (o appartenevano)

poi ,la cosa può piacere o meno,ma ha una sua ragion d'essere

Re:Jean Lassale
« Risposta #25 il: Aprile 10, 2015, 20:01:51 pm »
Infatti a me e' capitato di trovare un orologio adagiato sullo stesso sfondo e subito mi e' venuto in mente xo nn riesco a ricordare in quale altro sito...
Ps. E' possibile postare le foto dei VC dotati di questi Lassale..?
 

Re:Jean Lassale
« Risposta #26 il: Aprile 10, 2015, 20:07:04 pm »
Trovato, dovrebbe essere quello postato da errol...
 

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Jean Lassale
« Risposta #27 il: Aprile 10, 2015, 22:23:14 pm »
E questo il 34170 automatico



Un orologio incredibile, dalla foto si percepisce poco, tenuto in mano e messo al polso faceva davvero impressione. Sembrava un tatuaggio  ;D
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

Re:Jean Lassale
« Risposta #28 il: Aprile 10, 2015, 22:59:37 pm »
Un gioiello...
 

erm2833

Re:Jean Lassale
« Risposta #29 il: Aprile 10, 2015, 23:50:40 pm »
Non ho mai avuto il coraggio di acquistarlo...e non so se devo pentirmi o meno.