Orologico Forum 3.0

Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.

erm2833

Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« il: Giugno 21, 2015, 22:52:12 pm »
E' una discussione che non avrei mai voluto aprire e per questo ho aspettato molto tempo.
Ma torno da Milano dove mi sono recato a visionare un 2120 squelette che avrei voluto acquistare
e torno a mani vuote perche' il suddetto non funzionava correttamente.
Torno naturalmente deluso ed amareggiato.
Il suddetto squelette era stato revisionato da AP Italia nel 2002 e non imputo alla stessa il malfunzionamento,dopo 13 anni all'orologio puo' esser successo di tutto.
Ebbene,sul documento rilasciato dopo la revisione (che ho visto dal vivo e di cui ho prova fotografica)
erano errati:il numero di cassa,la referenza e l'anno di vendita,l'unico dato esatto era quello riferito
al seriale del movimento.
Perche' scrivo tutto questo?
Perche' le case e' ora che la finiscano di trattarci come se avessimo l'anello al naso!
Scusate la parentesi,vado avanti.
Non staro' qui a ripercorrere la storia o a riscrivere le caratteristiche di quei R.O.;
rammento solo che all'epoca,1972,costava 3760 franchi svizzeri,8 volte il prezzo di un Rolex 5513.
Prezzo legato alla perfezione delle lavorazioni di cassa,quadrante e movimento (ed alla fuffa,naturalmente).
Dai primissimi esemplari agli ultimi la scritta Royal Oak compare al centro del fondo esterno ed il seriale individuale dell'orologio SEMPRE centrato rispetto alla scritta stessa.
Il tutto si traduce nell'evidenza che piu' i seriali sono bassi piu' sono spostati a destra rispetto alla porzione inferiore della Y.
Questo che vedete e' un A 3x.
« Ultima modifica: Giugno 21, 2015, 23:05:54 pm da erm2833 »

erm2833

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #1 il: Giugno 21, 2015, 23:12:49 pm »
Saliamo da un seriale a 2 cifre ad un esemplare a 3:A 106.
Notare come,affinche' la due scritte rimangano centrate,cambi la posizione relativa tra la Y ed il seriale.


erm2833

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #2 il: Giugno 21, 2015, 23:18:20 pm »
Passiamo ora da 3 a 4 cifre di seriale;
affinche' la scritta superiore e la inferiore rimangano centrate osserviamo uno "scorrimento" relativo tra le stesse.

erm2833

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #3 il: Giugno 21, 2015, 23:27:48 pm »
Tale caratteristica rimarra' invariata anche per gli esemplari e le referenze successive.

erm2833

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #4 il: Giugno 22, 2015, 00:49:05 am »
Passiamo ora ad analizzare i pochi esemplari in cui la scritta ROYAL OAK e' fuori centro sul fondo esterno e che di conseguenza presentano una non corrispondenza spaziale tra scritta e seriale (che risulta invece sempre centrato sul fondo dell'orologio).
Presentano seriali tra il A 1400 ed il A 1600,evidenziano una grossa difformita' tra stato delle casse,ottimo,e condizioni dei bracciali,molto allentati (indizio molto "pesante").Su di un esemplare sul bracciale e' punzonato il seriale dell'orologio.C'e' evidenza,non per tutti,di un passaggio in casa madre.
Di un paio,in vendita sul web,vengono postate fatture emesse da AP per un importo superiore ai 5k;delle suddette fatture viene mostrata solo una pagina e sommando le singole voci il totale e' di circa 1k (cosa ci sara' scritto in cio' che non vediamo e che costa ben 4k?).
Qualcuno asserisce di aver mostrato l'orologio ai "massimi esperti" e di averne ricevuto parere favorevole (mi piacerebbe sapere chi siano i "sommi";io che sommo non sono e che uno degli esemplari imputati l'ho avuto in mano ho spiegato al proprietario quali fossero le ragioni che mi facevano ritenere l'orologio "maneggiato" da AP).
C'e' chi ha richiesto,ed ottenuto,un certificato di autenticita';certificato che riporta la corrispondenza tra seriale dell'orologio e seriale del movimento ma che nulla dice circa la coevita',scusate il termine cacofonico,dei singoli componenti dell'orologio stesso.
Prima delle foto "sospette" una domanda a tutti voi:Vi risulta che Breil,Flik Flak,Sector ed altre case non di alta orologeria facciano scritte fuori centro?????????????????
A me no.


erm2833

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #5 il: Giugno 22, 2015, 01:03:16 am »
Traggo le mie conclusioni:
impossibile che Audemars,all'epoca, abbia su alcuni esemplari fatto errori talmente grossolani nell'apporre le scritte;
ci troviamo quindi al cospetto di casse "diverse" da quelle dell'epoca,diverse perche' di fornitura o trattate con il laser ma comunque di aspetto quasi nuovo cui fanno da contraltare bracciali molto ma molto vissuti;
le cause:o danni subiti irreparabili,ma sarebbe strano si concentrassero in un determinato range di seriali o,cosa per me piu' probabile,casse che avevano subito il cancro dell'acciaio.

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #6 il: Giugno 22, 2015, 09:51:12 am »
Davvero interessante Ermanno, con te non si finisce mai di imparare. Sai non troppo per danaro ho sempre evitato di acquistare un 5402 o un 15202 perché dopo vari allarmi di molti, ed aver visto in rete una varietà di frankie notevole, intuivo che l'orologio che sembrava bello e coevo, poteva essere rimaneggiato, magari non sapendo dove, ma potenzialmente a rischio, in tal caso sminuendone di fatto il pregio ed il valore. Quello che non immaginavo è che fosse la stessa AP a snaturare i suoi orologi pur di venderli e la cosa mi fa chiudere ancora di più nelle mie convinzioni della mia inesperienza.
Credo che per quanto mi possa piacere, un RO non vedrà mai il mio polso, il "rischio sola" è troppo grande, e quando(e sempre se..) non c'è la sola, ci sono prezzi improponibili a far da contraltare alla scelta per un altro orologio magari più "sicuro" e di complicazione e pregio anche superiore al RO.
p.s.
Ho notato dalle foto che hai messo che alcuni esemplari sul retro hanno i ganci delle maglie (quelli di partenza dalla cassa) con una scanalatura e non sono piani come quelli successivi sul bracciale e come quelli che ho sempre notato sull'orologio. Hanno cambiato e rifatto anche quelli perché in passato erano rotti secondo te?
« Ultima modifica: Giugno 22, 2015, 09:57:36 am da leolunetta »


When you do 30 you could do 50, instead you did 11

S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #7 il: Giugno 22, 2015, 10:49:36 am »
Ehhhh . .....
sapevo che prima o poi questa discussione  avrebbe  fatto  apparizione  anche qui   (giustamente).

Bene!!

Inutile dire che mi trovo d'accordo  con Ermanno, se non altro per semplice deduzione logica.
Prendendo  per assunto che AP negli anni  '70 non avrebbe  mai fatto uscire un orologio con scritte decentrate,  tutto il resto viene  da se.
Non sono in grado di dire cosa sia successo  alle casse anomale, ma di certo  non sono coeve.
sostituzione  in casa? Laserate  in laboratori esterni? Costruzione di frankeinstain  partendo da casse non "A"?
Chi può  dirlo....

Una cosa è  certa, la convenienza da parte di qualcuno (commerciante) a far passare per buoni quanti più orologi possibili.

A questo punto mi verrebbe voglia di tirar fuori anche il discorso bilanceri  giromax  Vs. lisci.....
« Ultima modifica: Giugno 22, 2015, 10:57:02 am da S.M. »
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #8 il: Giugno 22, 2015, 10:55:02 am »
P.S.
Erm , mi spiace  di come sia andato il viaggio a Torino. Come sai ho avuto una delusione altrettanto  cocente pure io.

Grandi pezzi e grandi collezioni pretendono grandi rinunce ......
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #9 il: Giugno 22, 2015, 11:27:42 am »
Attendevo anch'io questa discussione da un po' di tempo, le evidenze di quanto poco la casa conosca il proprio passato c'erano già tutte ma negli ultimi tempi una notevole mole di certificazioni strampalate ce ne ha dato definitiva conferma.
Come anche una certa proliferazione di scritte non allineate sul fondello dei 5402, spesso passati dalla casa madre per restauri di dubbia fattura come ha già spiegato Ermanno. Le carte rese pubbliche ci dicono con certezza che esistono anche le lunette di fornitura, quelle non pubblicate con ragionevole certezza proverebbero la tesi di Ermanno (e fatta propria da altri tra i quali il sottoscritto), ossia che esistono anche le casse di fornitura (cosa nota per altre case ma che per AP molti si rifiutano di accettare come vero).
Resta solo in dubbio al quale personalmente non trovo risposta: perché produrre casse di fornitura con scritte non allineate? La risposta che mi viene in mente subito é per distinguerle dalle originali, come i quadranti di fornitura postumi che non sono mai identici agli originali. Ma credo ci possano essere altre ragioni che peró non capisco.
Certo é che come dice Ermanno le case che si fanno pagare un botto di soldi per insignificanti pezzi di carta e che nei pezzi di carta scrivono le più disparate vaccate sono obbiettivamente tristi oltre che costeggiare pericolosamente il limite della truffa.

P.s: il buco nell'acqua é sempre un rischio incipiente, forse fa anch'esso parte del bello di questo gioco :)
« Ultima modifica: Giugno 22, 2015, 11:29:26 am da ciaca »
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #10 il: Giugno 22, 2015, 14:18:58 pm »
Davvero interessante Ermanno, con te non si finisce mai di imparare. Sai non troppo per danaro ho sempre evitato di acquistare un 5402 o un 15202 perché dopo vari allarmi di molti, ed aver visto in rete una varietà di frankie notevole, intuivo che l'orologio che sembrava bello e coevo, poteva essere rimaneggiato, magari non sapendo dove, ma potenzialmente a rischio, in tal caso sminuendone di fatto il pregio ed il valore. Quello che non immaginavo è che fosse la stessa AP a snaturare i suoi orologi pur di venderli e la cosa mi fa chiudere ancora di più nelle mie convinzioni della mia inesperienza.
Credo che per quanto mi possa piacere, un RO non vedrà mai il mio polso, il "rischio sola" è troppo grande, e quando(e sempre se..) non c'è la sola, ci sono prezzi improponibili a far da contraltare alla scelta per un altro orologio magari più "sicuro" e di complicazione e pregio anche superiore al RO.
p.s.
Ho notato dalle foto che hai messo che alcuni esemplari sul retro hanno i ganci delle maglie (quelli di partenza dalla cassa) con una scanalatura e non sono piani come quelli successivi sul bracciale e come quelli che ho sempre notato sull'orologio. Hanno cambiato e rifatto anche quelli perché in passato erano rotti secondo te?
Quello a cui ti riferisc tu, sono i famosi "mattoncini".
In effetti ne esistono di due tipi: quelli piani e regolari di forma pressochè di parallelepipedo, e quelli con uno scalino.
Lo scalino serviva a non mostrare il fianco non lavorato del mattoncino in caso di forti piegature del bracciale (polsi piccoli).

Ad oggi non esistono correlazioni seriali-mattoncini, forse si trattava di optional a richiesta dell'acquirente.

Comunque i 5402 con mattoncini "a scalino" sono molto più rari deigli altri.

Riguardo alla tua scelta di non puntare al 5402, la condivido se dettata dalla volontà di non spendere le cifre a cui è arrivato un esemplare corretto (oggi siamo minimo a 20k€); non l'accetto se per paura di incorrere in una fregatura.
Qui sul forum hai i massimi esperti (disinteressati) che possono aiutarti (tra cui NON io).
Basta chiedere il loro aiuto al prezzo .....di una cena ;D
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

erm2833

Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #11 il: Giugno 22, 2015, 15:45:20 pm »
Un attimo,per favore.
Mattoncini:erano un optional che AP aveva in catalogo per i seriali A destinati a polsi piccoli.
Nulla di piu' facile che identificare la correttezza di un Royal Oak,a patto di conoscerlo (e di non farsi sviare da coloro che vorrebbero sdoganare per originari pezzi che sono nati diversamente da come appaiono oggi).
Ancora sulle casse di fornitura:tutte le case le forniscono e TUTTE le differenziano dalle originarie,in un modo o nell'altro:c'e' chi aggiunge uno zero alla referenza,chi riserva alle stesse un certo range di seriali,chi sposta una scritta;e' l'identico discorso che facciamo per i quadranti:mai un quadrante di fornitura sara' uguale all'originario.
Ed ancora sui certificati di origine:stabiliscono la corrispondenza tra i seriali di cassa e movimento e la data di vendita e di produzione (Patek,Breguet) o costituiscono una specie di expertise (Vacheron,Iwc);quello Audemars aggiunge l'esclusivita' (sob!).
Patek segnala la sostituzione della cassa,cambia il seriale,ma naturalmente non quella del quadrante,sfere o vetro.
Nessuno prende in considerazione i quadranti,non possono farlo in quanto i registri cartacei dell'epoca non hanno fotografie e chi in quegli anni lavorava agli stessi e' in pensione da un pezzo.
Da prendere tutti con le molle.

Il "buco nell'acqua" lo metto sempre in conto ed infatti parto sempre,non acquisto per corrispondenza.
La cosa che irrita e' se il venditore che non capisce di orologi,o fa finta di non capire,insiste che un orologio marci regolarmente pur se il bilancere,a vista,con il calibro posto in orizzonatale tende a fermarsi.

alanford

  • *****
  • 6363
  • Ciampino
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #12 il: Giugno 22, 2015, 16:17:31 pm »
Io ritengo siano semplicemente casse sbagliate e siccome l'utenza accetta tutto, in AP hanno ritenuto fosse un peccato buttarle!
E' una differenza talmente marchiana che se facessi rifare una cassa al mio stampista, di sicuro non verrebbe un gran chè ma di certo la scritta la farebbe centrata al centesimo!
 

S.M.

  • *****
  • 3708
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #13 il: Giugno 22, 2015, 17:02:21 pm »
Io ritengo siano semplicemente casse sbagliate e siccome l'utenza accetta tutto, in AP hanno ritenuto fosse un peccato buttarle!
E' una differenza talmente marchiana che se facessi rifare una cassa al mio stampista, di sicuro non verrebbe un gran chè ma di certo la scritta la farebbe centrata al centesimo!
E' proprio questo che deve i sospettire. Se AP  volesse, potrebbe fare le casse di fornitura uguali (ma forse non negli spigoli). Se non lo fa e' per un motivo.
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il "mistero" dei Royal Oak 5402 con scritta decentrata.
« Risposta #14 il: Giugno 22, 2015, 17:17:46 pm »
Quale che sia il motivo per il quale tendano a diversificare la cassa originale da quella eventualmente restaurata o sostituita, per di più quando poi sono pronti a certificare nero su bianco le peggiori sciocchezze, quello che però non può passare come dato di fatto é ciò che viene declamato come frutto del "tutto può essere" e che "tutto sia originale e originario" benché abbia caratteristiche differenti.
Quell'approccio facilone e "possibilista" utilizzato da tanti commercianti (dichiarati o sotto le mentite spoglie dell'ingenuo appassionato) in tante discussioni riguardanti, per esempio, i quadranti di alcuni modelli particolarmente seguiti e dalle quotazioni in forte crescita, al fine di rendere parimenti appetibile e commerciabile orologi che non ne avrebbero i requisiti e di poter così allargare l'offerta altrimenti fisiologicamente risicata per via di esigui numeri di prodotto realizzato, mettendo sullo stesso piano di discussione tutto: Orologi in configurazione originaria, con parti sostituite di fornitura o cannibalizzate da altri modelli, e perché no anche fake.

Un approccio che prima di tutto lede la passione che si estrinseca anche in uno studio attento, rigoroso e pluriennale di un certo modello, e poi anche la realtà dei fatti, mirato solo a far soldi facili mutuando pratiche di dubbia correttezza da altri ambiti in cui hanno trovato ampia gratificazione di se.
Se alcuni royal oak e Nautilus sono infatti la nuova frontiera di molti rolexari annoiati un motivo c'è...ed é lo stesso per il quale sempre più spesso si vedono royal oak e Nautilus in configurazioni e con particolari a dir poco discutibili, con tanto di "benedizione" delle case per mezzo delle loro altrettanto discutibili certificazioni.
« Ultima modifica: Giugno 22, 2015, 17:33:01 pm da ciaca »
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"