Orologico Forum 3.0

Curiosità tecnica: andamento di calibro con e senza lubrificazione

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Curiosità tecnica: andamento di calibro con e senza lubrificazione
« Risposta #120 il: Novembre 11, 2016, 11:51:45 am »
Una domanda a chi ha "studiato" il fenomeno risonanza:quando uno dei 2 bilanceri si dissocia dall'altro accusando un errore
e' sempre quello "perturbato" che viene ricondotto sulla retta via dall'altro o potrebbe accadere anche il contrario (cioe' che
quello sano venga contagiato dal malato)?

Quando due oscillatori si muovono in risonanza e uno si dissocia tornerà in risonanza se e solo se si esaurisce l'effetto che ne ha perturbato il moto fino a farlo dissociare.
Esaurito tale effetto e riacquisita una marcia tale da permettergli di entrare nuovamente in risonanza accadrà che i due oscillatori torneranno a muoversi all'unisono.
Se finito l'effetto disturbatore l'oscillatore perturbato non ha riacquistato un rateo di marcia sufficientemente affine a quello dell'altro oscillatore i due non torneranno in risonanza e continueranno a muoversi senza alcuna reciproca interazione.
La possibilità che I due oscillatori si perdano di vista definitivamente, anche solo per fisiologici scompensi nelle rispettive regolazioni con l'andare del tempo, è il motivo per il quale Journe suggerisce una revisione ogni TRE anni.
L'utopia ha un prezzo :)
« Ultima modifica: Novembre 11, 2016, 11:55:31 am da ciaca »
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

tick

  • *****
  • 1309
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Curiosità tecnica: andamento di calibro con e senza lubrificazione
« Risposta #121 il: Novembre 11, 2016, 12:19:44 pm »
Per avere utilità la perturbazione dovrebbe essere sempre corretta e compensata in senso opposto alla stessa.

Che è il motivo per cui hanno i due oscillatori contro-rotanti. Per me, semplificandola, cercando di avere il segno opposto sulla perturbazione dei due elementi.
The quieter you become, the more you can hear

Re:Curiosità tecnica: andamento di calibro con e senza lubrificazione
« Risposta #122 il: Novembre 11, 2016, 13:22:40 pm »
Una domanda a chi ha "studiato" il fenomeno risonanza:quando uno dei 2 bilanceri si dissocia dall'altro accusando un errore
e' sempre quello "perturbato" che viene ricondotto sulla retta via dall'altro o potrebbe accadere anche il contrario (cioe' che
quello sano venga contagiato dal malato)?

Quando due oscillatori si muovono in risonanza e uno si dissocia tornerà in risonanza se e solo se si esaurisce l'effetto che ne ha perturbato il moto fino a farlo dissociare.
Esaurito tale effetto e riacquisita una marcia tale da permettergli di entrare nuovamente in risonanza accadrà che i due oscillatori torneranno a muoversi all'unisono.
Se finito l'effetto disturbatore l'oscillatore perturbato non ha riacquistato un rateo di marcia sufficientemente affine a quello dell'altro oscillatore i due non torneranno in risonanza e continueranno a muoversi senza alcuna reciproca interazione.
La possibilità che I due oscillatori si perdano di vista definitivamente, anche solo per fisiologici scompensi nelle rispettive regolazioni con l'andare del tempo, è il motivo per il quale Journe suggerisce una revisione ogni TRE anni.
L'utopia ha un prezzo :)


Una revisione ogni tre anni di un'orologio simile non si può sentire… vien da pensare se il progetto abbia ancora bisogno di crescere o è proprio così che deve essere(un pò farlocco), ma dove sarebbero i vantaggi se non quelli di dire "io ce l'ho" e spendo quel che mi pare ogni tre anni per mantenerlo?!
Non c'è nulla di nobile nell'essere superiore a qualcun'altro.
La vera nobiltà consiste nell'essere superiori a chi eravamo ieri.
(Samuel Johnson)

S.M.

  • *****
  • 3710
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Curiosità tecnica: andamento di calibro con e senza lubrificazione
« Risposta #123 il: Novembre 11, 2016, 18:10:55 pm »
Una domanda a chi ha "studiato" il fenomeno risonanza:quando uno dei 2 bilanceri si dissocia dall'altro accusando un errore
e' sempre quello "perturbato" che viene ricondotto sulla retta via dall'altro o potrebbe accadere anche il contrario (cioe' che
quello sano venga contagiato dal malato)?

Quando due oscillatori si muovono in risonanza e uno si dissocia tornerà in risonanza se e solo se si esaurisce l'effetto che ne ha perturbato il moto fino a farlo dissociare.
Esaurito tale effetto e riacquisita una marcia tale da permettergli di entrare nuovamente in risonanza accadrà che i due oscillatori torneranno a muoversi all'unisono.
Se finito l'effetto disturbatore l'oscillatore perturbato non ha riacquistato un rateo di marcia sufficientemente affine a quello dell'altro oscillatore i due non torneranno in risonanza e continueranno a muoversi senza alcuna reciproca interazione.
La possibilità che I due oscillatori si perdano di vista definitivamente, anche solo per fisiologici scompensi nelle rispettive regolazioni con l'andare del tempo, è il motivo per il quale Journe suggerisce una revisione ogni TRE anni.
L'utopia ha un prezzo :)


Una revisione ogni tre anni di un'orologio simile non si può sentire… vien da pensare se il progetto abbia ancora bisogno di crescere o è proprio così che deve essere(un pò farlocco), ma dove sarebbero i vantaggi se non quelli di dire "io ce l'ho" e spendo quel che mi pare ogni tre anni per mantenerlo?!
Mah....
Io credo che come per tutti i costruttori, l'intervallo di manutenzione è solo indicativo.
In fondo mi pare che in qualche libretto di un mio orologio, del tutto normale, è consigliata una manutenzione ogni 5 anni. Poi sappiamo tutti come va a finire senza che le meccaniche ne risentano minimamente.
Magari un occhio in più di attenzione, ma se i due bilanceri risuonano regolarmente, io non mi preoccuperei.
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.