Orologico Forum 3.0

longines &gander orologi da taschino

longines &gander orologi da taschino
« il: Novembre 16, 2018, 08:34:01 am »
buongiorno, sono un nuovo utente del forum, ed innanzitutto complimenti.
volevo cortesemente avere informazioni su questi due orologi da taschino in argento, che ho ereditato.
grazie max
max

Bertroo

  • *****
  • 31323
    • Mostra profilo
Re:longines &gander orologi da taschino
« Risposta #1 il: Novembre 16, 2018, 10:01:21 am »
Bentrovato, in merito al Gander non so dirti ma il Longines se tenuto bene e funzionante oscilla tra i 250-350€. Forse il gander un 100€ meno.
Sono bei orologi ma molto comuni.

Re:longines &gander orologi da taschino
« Risposta #2 il: Novembre 16, 2018, 10:20:46 am »
Bentrovato, in merito al Gander non so dirti ma il Longines se tenuto bene e funzionante oscilla tra i 250-350€. Forse il gander un 100€ meno.
Sono bei orologi ma molto comuni.
grazie mille delle indicazioni, ma più che una valutazione della quale comunque ti ringrazio, mi interessava maggiormente conoscere la storia di questi, specialmente il longines, reca una iscrizione che riporta ad un gran prix paris milan bruxelles paris, del quale mi piacerebbe conoscere di più.
grazie max
max

Istaro

  • *****
  • 3161
    • Mostra profilo
Re:longines &gander orologi da taschino
« Risposta #3 il: Novembre 17, 2018, 17:52:04 pm »
Nel 1851 si tenne a Londra la prima delle Esposizioni universali, eventi che Walter Benjaminin ebbe a definire "luoghi di pellegrinaggio al feticcio merce”.

Nella seconda metà dell'Ottocento, infatti, iniziò a diffondersi il clima positivista di fiducia incondizionata nella scienza, nel progresso, nell'industria, di cui le Esposizioni erano la celebrazione.

E nell'ambito di questi eventi si tenevano numerosi concorsi (i "Grand prix", appunto, le "Medaglie d'oro", ecc.) nei quali le case gareggiavano per affermare la supremazia dei loro prodotti.
Accadeva non solo per gli orologi, ma per tutti i prodotti industriali, in ogni settore (se guardiamo una vecchia scatola di biscotti o di pennelli da barba, troviamo declamate vittorie in questo tipo di competizioni).

I concorsi divennero così numerosi, anche al di fuori delle esposizioni universali, da poter accontentare a turno molti produttori, costituendo una primitiva forma di pubblicità.

Se un orologio può vantare questo tipo di affermazione, quindi, significa che ai suoi tempi era senz'altro un buon orologio, ma non necessariamente che presentasse caratteristiche di particolare eccezionalità.

In questo caso, peraltro, parliamo delle vittorie non dell'orologio, ma della casa produttrice (sono 4 diversi Gran Prix: due svoltisi a Parigi, uno a Milano, uno a Bruxelles). E della levatura di Longines nessuno dubita.
« Ultima modifica: Novembre 17, 2018, 23:32:53 pm da Istaro »
"Non esistono venti favorevoli per il marinaio che non sa dove andare" (Seneca)

Re:longines &gander orologi da taschino
« Risposta #4 il: Novembre 19, 2018, 10:36:22 am »
Nel 1851 si tenne a Londra la prima delle Esposizioni universali, eventi che Walter Benjaminin ebbe a definire "luoghi di pellegrinaggio al feticcio merce”.

Nella seconda metà dell'Ottocento, infatti, iniziò a diffondersi il clima positivista di fiducia incondizionata nella scienza, nel progresso, nell'industria, di cui le Esposizioni erano la celebrazione.

E nell'ambito di questi eventi si tenevano numerosi concorsi (i "Grand prix", appunto, le "Medaglie d'oro", ecc.) nei quali le case gareggiavano per affermare la supremazia dei loro prodotti.
Accadeva non solo per gli orologi, ma per tutti i prodotti industriali, in ogni settore (se guardiamo una vecchia scatola di biscotti o di pennelli da barba, troviamo declamate vittorie in questo tipo di competizioni).

I concorsi divennero così numerosi, anche al di fuori delle esposizioni universali, da poter accontentare a turno molti produttori, costituendo una primitiva forma di pubblicità.

Se un orologio può vantare questo tipo di affermazione, quindi, significa che ai suoi tempi era senz'altro un buon orologio, ma non necessariamente che presentasse caratteristiche di particolare eccezionalità.

In questo caso, peraltro, parliamo delle vittorie non dell'orologio, ma della casa produttrice (sono 4 diversi Gran Prix: due svoltisi a Parigi, uno a Milano, uno a Bruxelles). E della levatura di Longines nessuno dubita.
grazie mille, era proprio questa indicazione che cercavo, grazie ancora max
max