Orologico Forum 3.0

Parliamo di Corum

Parliamo di Corum
« il: Febbraio 01, 2020, 19:43:25 pm »
Corum: "La chiave per il tempo perfetto"!
Questo è il motto della casa fondata da Renè Bannwart, nel 1955.Corum è un marchio che mi ha sempre affascinato sin da ragazzo, sia per il modello Buckingham, sia per il Admiral's Cup, sia, ovviamente, per il Golden Bridge.In questa discussione mi piacerebbe parlare del marchio, dei suoi modelli più belli e anche, perchè no, di quelli che forse oggi non sono più trendy, ma che nascondono calibri interessanti.
Corum "Skeleton Mistery" in platino, con tourbillon di Christophe Claret:














Re:Parliamo di Corum
« Risposta #1 il: Febbraio 01, 2020, 19:54:48 pm »
Corum Buckingham Tiger:













Bertroo

  • *****
  • 32581
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #2 il: Febbraio 01, 2020, 20:38:19 pm »
Io di corum considero solo le produzioni fino agli ultimi ‘90.
Orologi particolari, estetica originale, calibri d’eccellenza, quadranti che definirli audaci sarebbe pochi Grandi Orologi.
Ricordiamo il RR che può non piacere ma ha personalità da vendere, il quadrante con le piume di pavone, il Dollar Watch, il lingotto, l’AC da 36mm.
Oroligi pazzeschi. Ora mi sento di dire che producono robaccia per me. Orologi inguardabili con meccaniche dozzinali, a prezzi folli.

Istaro

  • *****
  • 3658
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #3 il: Febbraio 01, 2020, 23:23:03 pm »
Anche il Bubble watch è stato un grande esempio di design (spessore e diametro mostruosi, vabbè…  :P)
"Non esistono venti favorevoli per il marinaio che non sa dove andare" (Seneca)

diemmeo

  • *****
  • 1036
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #4 il: Febbraio 01, 2020, 23:33:39 pm »
Il primo Admiral’s Cup di forma (1960) ed il modello Anniversary con FP21. Nel fondello è incisa una cima che fa il giro dei ponti con splendida cesellatura.

Bertroo

  • *****
  • 32581
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #5 il: Febbraio 01, 2020, 23:40:47 pm »
Il primo Admiral’s Cup di forma (1960) ed il modello Anniversary con FP21. Nel fondello è incisa una cima che fa il giro dei ponti con splendida cesellatura.


Gran bei orologi. Per non parlare delle varie tonalità di meteorite presenti nei passati cataloghi.

diemmeo

  • *****
  • 1036
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #6 il: Febbraio 01, 2020, 23:57:07 pm »
Il primo Admiral’s Cup di forma (1960) ed il modello Anniversary con FP21. Nel fondello è incisa una cima che fa il giro dei ponti con splendida cesellatura.


Gran bei orologi. Per non parlare delle varie tonalità di meteorite presenti nei passati cataloghi.

Come questo.

Bertroo

  • *****
  • 32581
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #7 il: Febbraio 02, 2020, 00:10:31 am »
Esattamente

Re:Parliamo di Corum
« Risposta #8 il: Febbraio 02, 2020, 09:26:58 am »
Il primo Admiral’s Cup di forma (1960) ed il modello Anniversary con FP21. Nel fondello è incisa una cima che fa il giro dei ponti con splendida cesellatura.


belli questi..

e.m.

  • *****
  • 1839
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #9 il: Febbraio 02, 2020, 10:31:17 am »
Io di corum considero solo le produzioni fino agli ultimi ‘90.
Orologi particolari, estetica originale, calibri d’eccellenza, quadranti che definirli audaci sarebbe pochi Grandi Orologi.
Ricordiamo il RR che può non piacere ma ha personalità da vendere, il quadrante con le piume di pavone, il Dollar Watch, il lingotto, l’AC da 36mm.
Oroligi pazzeschi. Ora mi sento di dire che producono robaccia per me. Orologi inguardabili con meccaniche dozzinali, a prezzi folli.
Non posso che far mie le tue considerazioni.
Dovessi condensare in una sola parola:rivoluzionaria.

Bertroo

  • *****
  • 32581
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #10 il: Febbraio 02, 2020, 11:51:03 am »
Io di corum considero solo le produzioni fino agli ultimi ‘90.
Orologi particolari, estetica originale, calibri d’eccellenza, quadranti che definirli audaci sarebbe pochi Grandi Orologi.
Ricordiamo il RR che può non piacere ma ha personalità da vendere, il quadrante con le piume di pavone, il Dollar Watch, il lingotto, l’AC da 36mm.
Oroligi pazzeschi. Ora mi sento di dire che producono robaccia per me. Orologi inguardabili con meccaniche dozzinali, a prezzi folli.
Non posso che far mie le tue considerazioni.
Dovessi condensare in una sola parola:rivoluzionaria.


Si, vero. Casa che mi piace moltissimo in quegli anni.

Bertroo

  • *****
  • 32581
    • Mostra profilo
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #11 il: Febbraio 02, 2020, 11:52:49 am »
Ah, scusate, vogliamo parlare del Golden Bridge?
Orologio FANTASTICO, unico nel suo genere irripetibile e irripetuto!
Se non è quella una pietra miliare dell’orologeria non saprei quale prendere ad esempio.

fansie

  • *****
  • 2240
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #12 il: Febbraio 02, 2020, 12:00:28 pm »
Credo che parlando di Corum, debba necessariamente, esser presente in prima pagina, il Golden Bridge. Nato dal genio di Vincent Calabrese, che nel 1977, aveva vinto la medaglia d'oro al l'esibizione Internazionale delle Invenzioni di Ginevra, con questo prototipo, che ancora si chiamava Spatial Watch. Era 29 mm x 2,3mm e spesso 3,2.
Federico

fansie

  • *****
  • 2240
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #13 il: Febbraio 02, 2020, 12:04:01 pm »
Nessun orologio era più apprezzato per il suo movimento, che per la sua cassa. Vincent Calabrese decide di rovesciare la situazione.
Il primo, prodotto da Corum, fu presentato nel 1980 al Museo Internazionale d'Orologeria di Le Chaux-de-Fonds nel 1980.
A distanza di 40 anni, io lo trovo sempre geniale.
Federico

fansie

  • *****
  • 2240
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Parliamo di Corum
« Risposta #14 il: Febbraio 02, 2020, 12:24:55 pm »
Dal 1964 Corum ha buon successo con gli orologi Moneta, con cassa formata di un'autentica moneta d'oro, tagliata a metà per contenere il movimento. Gli americanoni se ne innamorano, tanto che Corum realizza una serie con la moneta da 20 dollari (detta Double Eagle) e decreta il successo del marchio.
Federico