Orologico Forum 3.0

Il calendario perpetuo (e la sua piastra)

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #30 il: Marzo 15, 2021, 18:49:00 pm »
Un'altra piastra per un altro calendario perpetuo: la piastra realizzata da Agenhor per il Harry Winston Excenter Perpetual Calendar!
Il problema che si sono posti in Harry Winston è stato quello di realizzare un calendario perpetuo per proprietari abituati a viaggiare, quindi costretti a cambiare spesso fuso orario. Lo scopo dell'Excenter Perpetual Calendar, presentato nel 2007, è quello di essere il primo Calendario Perpetuo progettato per i viaggiatori grazie alla sua seconda visualizzazione del fuso orario. Questa seconda visualizzazione del fuso orario è molto leggibile (la lancetta gialla situata sul quadrante principale) e può essere azionata molto facilmente tramite il pulsante situato alle due. Ovviamente, lo spostamento di questa lancetta non interrompe il funzionamento del calendario perpetuo ed è la caratteristica chiave dell'orologio.
 
Anche se il risultato sembra essere molto semplice, è stato un compito difficile per Jean-Marc Wiederrecht costruire una tale complicazione e raggiungere un comportamento perfetto di questa seconda lancetta del fuso orario. In questo contesto, il lavoro sui denti e sugli ingranaggi svolto per Excenter Timezone è stato molto utile. 

Il quadrante principale si trova sul lato destro con l'indicatore delle fasi lunari in basso, un po 'come l'indicatore giorno e notte dell'Excenter Timezone anche se qui non è in linea con l'asse verticale. La visualizzazione del mese e della data avviene tramite lancette retrograde situate sul lato sinistro del quadrante. Gli anni (utilizzando la scala 1-2-3-L) sono indicati con un disco rotante. Non c'è lancetta dei secondi.

Il layout del quadrante è molto equilibrato anche se è molto originale se lo confrontiamo con i quadranti dei classici orologi con calendario perpetuo o anche con il quadrante del primo Harry Winston Perpetual Calendar che era simmetrico.
 
Il modulo Agenhor è il 111. È un modulo abbastanza sottile (2,40 mm) e grande (34 mm di diametro). Una volta aggiunto il GP 3300 che lo alimenta, l'altezza complessiva del movimento è di 5,60 mm. Questa altezza, unita al diametro della cassa (41 mm) conferisce uno stile slanciato ed elegante all'Excenter Perpetual Calendar.  Al polso, anche se è più grande dell'Excenter Timezone (41 vs 39mm), rimane confortevole grazie alle anse mobili.
Parte delle informazioni sono state tratte da un articolo pubblicato su www.watchprozine.com
 
« Ultima modifica: Marzo 15, 2021, 19:48:46 pm da SoloMeccanico »

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #31 il: Marzo 15, 2021, 19:51:10 pm »
Avevo premuto invio prima di completare l'intervento, poi ho avuto una telefonata di lavoro... ma alla fine sono riuscito anche a caricare le immagini!

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #32 il: Marzo 15, 2021, 19:52:18 pm »
Ricarico la foto sul server.

S.M.

  • *****
  • 4401
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #33 il: Marzo 15, 2021, 20:21:36 pm »
Sarebbe interessante, anche per avere un quadro più completo sulle piastre, corredare questa bella ricerca con notizie essenziali quali:
- indicazioni fornite;
- aggiornamento delle stesse (istantaneo, semi-istantaneo, lento);
- correzioni (sincronizzate o singole)

Lo so..... non ci accontentiamo mai......

Bella discussione, ce ne sono cose da scrivere (o leggere nel mio caso)....
« Ultima modifica: Marzo 15, 2021, 20:23:15 pm da S.M. »
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

e.m.

  • *****
  • 2915
    • Mostra profilo
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #34 il: Marzo 16, 2021, 08:29:37 am »
Personalmente ritengo essenziale,come prima cosa,capire quale sia il funzionamento di queste piastre.
Altrimenti diventa una raccolta di immagini fine a se stessa.
Altra cosa,partirei dalle piu' semplici per arrivare poi a quelle piu' complesse.

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #35 il: Marzo 16, 2021, 09:07:40 am »
Personalmente ritengo essenziale,come prima cosa,capire quale sia il funzionamento di queste piastre.
Altrimenti diventa una raccolta di immagini fine a se stessa.
Altra cosa,partirei dalle piu' semplici per arrivare poi a quelle piu' complesse.
Per la comprensione del funzionamento, sin dall'inizio, ho rimandato alla discussione iniziata da generalecsca, che mi sembra ben fatta.In questa intendevo ed intendo elencare (necessariamente con il vostro contributo) le piastre realizzate, diciamo, negli ultimi 30 anni, così da far capire cosa c'è dentro un perpetuo e perchè sceglierne uno piuttosto di un altro.
Per esempio: se vengo a conoscenza che la piastra X è stata utilizzata da tot maison, potrò scegliere di comprare un esemplare di una sola di queste maison per poi cercare altro. In definitiva, eviterò di comprare doppioni ecc..
D'altra parte, la stessa piastra potrebbe risultare meglio rifinita nel tot modello ecc..
« Ultima modifica: Marzo 16, 2021, 09:09:16 am da SoloMeccanico »

S.M.

  • *****
  • 4401
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #36 il: Marzo 16, 2021, 09:10:31 am »
Descriverne il funzionamento la vedo davvero ardua Erm.

Considera che ho un articolo del compianto Prof.De Toma che per descrive il modulo perpetuo IWC impiega 12 pagine di giornale, con disegni schemi e spaccati.
Non sono mai riuscito a leggerlo fino in fondo....
Le volte che ho provato mi sono perso dopo poche righe :D

Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #37 il: Marzo 16, 2021, 13:56:07 pm »
Ricarico la foto sul server.

La piastra Agenhor è utilizzata solo da harry wiston?

e.m.

  • *****
  • 2915
    • Mostra profilo
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #38 il: Marzo 16, 2021, 14:42:37 pm »
Descriverne il funzionamento la vedo davvero ardua Erm.

Considera che ho un articolo del compianto Prof.De Toma che per descrive il modulo perpetuo IWC impiega 12 pagine di giornale, con disegni schemi e spaccati.
Non sono mai riuscito a leggerlo fino in fondo....
Le volte che ho provato mi sono perso dopo poche righe :D
La piastra IWC e' abbastanza semplice.
Le altre seguono schemi abbastanza omogenei,per cui studiatane una le altre non fanno penare piu' di tanto.
Il Reverso perpetuo e' invece un capitolo a parte,fa rizzare i capelli in testa per quanto e' complesso.

e.m.

  • *****
  • 2915
    • Mostra profilo
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #39 il: Marzo 16, 2021, 15:04:33 pm »
Un po' di piastre,che postero' senza indicare il nome delle maison.

e.m.

  • *****
  • 2915
    • Mostra profilo
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #40 il: Marzo 16, 2021, 15:18:30 pm »
Altre


e.m.

  • *****
  • 2915
    • Mostra profilo
Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #41 il: Marzo 16, 2021, 15:24:42 pm »
Ancora

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #42 il: Marzo 16, 2021, 16:39:38 pm »
Contributi interessanti, ti ringrazio.
Però la discussione nasce proprio per sapere CHI monta COSA, al fine di fare scelte più consapevoli.

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #43 il: Marzo 16, 2021, 17:54:15 pm »
Ovviamente nn sono nessuno ma vedi se riesci a leggere questo :
http://www.orologico.info/index.php?topic=24078.0
Descriverne il funzionamento la vedo davvero ardua Erm.

Considera che ho un articolo del compianto Prof.De Toma che per descrive il modulo perpetuo IWC impiega 12 pagine di giornale, con disegni schemi e spaccati.
Non sono mai riuscito a leggerlo fino in fondo....
Le volte che ho provato mi sono perso dopo poche righe :D

Re:Il calendario perpetuo (e la sua piastra)
« Risposta #44 il: Marzo 16, 2021, 18:03:26 pm »
Allego io questa piastra Jaeger 909 derivato dal 918, doppio bariletto mi pare uno per lo svegliarino, l'altro per le ore prodotto per pochissimi anni nel 2005 con piastre Iwc molto simile, non so bene perché Jaeger si sia rivolta ad Iwc o a chi la produceva se non proprio gemelle, le similitudini sono molte