Orologico Forum 3.0

Echo/Neutra: opinioni

e.m.

  • *****
  • 3088
    • Mostra profilo
Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #15 il: Gennaio 10, 2022, 23:34:47 pm »
Ed anche il movimento lo ritengo molto più affidabile

Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #16 il: Gennaio 11, 2022, 09:58:46 am »
Il movimento l'hai guardato?
Sul sito è indicato questo: Sellita SW510M BH b manuale elaboré
Ho fatto una ricerca e ho trovato una pagina con la descrizione del movimento e degli orologi che lo montano (https://watchbase.com/sellita/caliber/sw510-bh-b), e questa descrizione dell'azienda che lo produce:
Sellita watches
Established: 1950
Founded in 1950 in La Chaux-de-Fonds, Sellita has a long tradition in assembly as well as in design and manufacture of quality mechanical movements. Over the years Sellita has managed to become a vital pillar of the Swiss watchmaking industry.
Product of a strong corporate vertical structure, Sellita has in-house control over all the essential stages of the design, manufacture and assembly of mechanical movements. Sellita has its own movement-blank factory (Gurofa) as well as its own electroplating and decoration business (Technicor). Sellita’s expertise extends even to the design and manufacture of the regulating organ, in other words, the heart of the mechanical movement.

Non mi sembra male, o sbaglio?


La scelta manuale per il 7750 non l'ho capita.
Snaturare un calibro industriale che nasce per essere automatico proponendolo in versione manuale semplicemente eliminando il rotore, lo trovo bislacco.
Se è una mossa di marketing per proporre qualcosa che sappia più di vintage lo trovo un tentativo goffo e privo di senso.
Per un appassionato una scelta tecnica del genere dovrebbe avere un effetto controproducente, estetica dell'orologio a parte.
Non c'è nulla di nobile nell'essere superiori a qualcun'altro.
La vera nobiltà è nell'essere superiori a chi eravamo ieri.
-Samuel Johnson-

fansie

  • *****
  • 3242
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #17 il: Gennaio 11, 2022, 10:44:14 am »
Quello che ho postato io invece è automatico (si chiama Hamilton Intramatic Chronograph H). Dovrebbe usare il 7750 con i contatori a ore 3 e ore 9 e data a ore 6, che mi pare si chiami 7753. Vedo sul web che costa tra i 1500 e i 2050 euro a seconda della versione (immagino da scontare).

Anche io per un crono nuovo, andrei di automatico, anche perché per avere un bel  crono manuale, guardando al vintage, si trova con 1/3 o 1/4 del prezzo e con meccanica di molto superiore (se piace il genere).
Federico

S.M.

  • *****
  • 4575
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #18 il: Gennaio 11, 2022, 11:06:45 am »
E' inutile fare confronti con il passato.
Oggi l'80% dei modelli moderni se confrontati con analoghi del passato (per tipologia e blasone) ne escono con le ossa rotte.

Noi continuiamo a farlo perchè siamo l'ultimo baluardo di razionalità in un settore che l'ha persa.

Tornando al topic, si, l'Hamilton allo stesso prezzo offre sicuramente una meccanica migliore, però esteticamente continuo a preferire l'Echo/Neutra. Hanno azzeccato l'aspetto. Almeno in questo sono stati bravi.
Dato che a questi livelli personalmente non valuto molto le meccaniche, se fosse un pò più piccolino prenderei lui. 
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.

Errol

  • *****
  • 3614
    • Mostra profilo
Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #19 il: Gennaio 11, 2022, 11:46:15 am »
io preferisco molto l'Echo/Neutra perchè preferisco il manuale all'automatico e mi piace di più esteticamente
poi non comprerei nessune dei due ma tra i due litiganti mi stimola di più il primo,
anche il calibro non è proprio una semplice eliminazione del rotore, quanto meno hanno tentato di abbellirlo
qui una foto del 7750 manuale (mi sembra si chiami 7760) e una del calibro poi montato sull'Echo Neutra.
ovvio non parliamo di niente di particolare ma sicuramente più presentabile


        

Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #20 il: Gennaio 11, 2022, 13:23:49 pm »
Concordo sul fattoche il calibro Echo/Neutra sia più interessante.
Una domanda: ma il vecchio Lemania non lo fabbricano più?

Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #21 il: Gennaio 11, 2022, 13:46:41 pm »
Concordo sul fattoche il calibro Echo/Neutra sia più interessante.
Una domanda: ma il vecchio Lemania non lo fabbricano più?



Si, credo di si, ma senz'altro sono meno gli orologi che lo incassano, in primis Omega.
Ad ogni modo credo abbia un prezzo abbastanza superiore al Valjoux/Eta/Sellita, tanto da essere proposto in orologi normalmente di categoria superiore.
Però almeno il 1873 nasce per essere manuale, il Valjoux viene snaturato.
Non c'è nulla di nobile nell'essere superiori a qualcun'altro.
La vera nobiltà è nell'essere superiori a chi eravamo ieri.
-Samuel Johnson-

Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #22 il: Gennaio 11, 2022, 13:53:23 pm »
io preferisco molto l'Echo/Neutra perchè preferisco il manuale all'automatico e mi piace di più esteticamente
poi non comprerei nessune dei due ma tra i due litiganti mi stimola di più il primo,
anche il calibro non è proprio una semplice eliminazione del rotore, quanto meno hanno tentato di abbellirlo
qui una foto del 7750 manuale (mi sembra si chiami 7760) e una del calibro poi montato sull'Echo Neutra.
ovvio non parliamo di niente di particolare ma sicuramente più presentabile


Che il primo che hai postato sia finito in modo più brutto non ci piove, ma anche se hai messo un "tappo" più curato per me cambia poco, è proprio il 7750 (et similia) in versione manuale che non mi piace.
Non c'è nulla di nobile nell'essere superiori a qualcun'altro.
La vera nobiltà è nell'essere superiori a chi eravamo ieri.
-Samuel Johnson-

Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #23 il: Gennaio 11, 2022, 14:08:34 pm »
Per me è inguardabile.

Ti riferisci all'orologio o al movimento?
(O magari a entrambi...)
Il movimento.

Scusami, però un Sea D. non va bene come orologio da tutti i giorni?
Con un Rolex più che indossarlo in modo continuativo che ci vuoi fare?
A meno che tu non sia uno di quelli che giudica i Rolex come gli orologi più belli del mondo...

Figurati... porto ininterrottamente dal 2005 il mio GMT II!
Però adesso vorrei dargli il cambio anche per preservarlo per mio figlio e il SD sarebbe il primo candidato se nel frattempo le quotazione dei Rolex non fossero diventate offensive.

In realtà la domanda su questo echo/neutra nasce anche dalla curiosità di capire la "sensatezza complessiva" di questi microbrand, primo perché mi incuriosisce il settore e le modalità di produzione e soprattutto di promozione e comunicazione (lavoro nel marketing di una multinazionale) e poi perché posto che gli orologi "da investimento" siano altri e delle "solite" marche, mi piace capire che tipo di ruolo possano ambire a giocare nel mercato.
Più nello specifico sul secondo punto: un brand come echo/neutra è la fascia alta del settore costituito da brand come Filippo Loreti, MVMT, etc. o la fascia bassa del settore dell'orologeria "vera e propria"?



Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #24 il: Gennaio 11, 2022, 14:34:24 pm »
Più nello specifico sul secondo punto: un brand come echo/neutra è la fascia alta del settore costituito da brand come Filippo Loreti, MVMT, etc. o la fascia bassa del settore dell'orologeria "vera e propria"?
In genere la risposta a domande come questa si basa sul numero degli orologi prodotti, che in teoria dovrebbe essere basso o bassissimo per i microbrand (tanto da parlare di lotti, da + o - 1000 esemplari), molti microbrand però, con ilpassare degli anni, si stanno trasformando in marchi classici, anche se continuano a far produrre i propri lotti da terzi.

Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #25 il: Gennaio 11, 2022, 14:38:07 pm »
Con 1500 €, un cronografo di buon livello nuovo, non credo si prenda. Si arriva a qualche 7750… tipo su Hamilton.

Molto bello questo Hamilton!
Non l'ho trovato sul sito Hamilton, magari è un modello passato, ma vedo che comunque i chrono automatici vanno dai €1.450 del Jazzmaster con un movimento H-21 (che leggo essere basato sul Valjoux 7750) ai €2.435 del X-WIND DAY DATE AUTO CHRONO con movimento H-21-SI (idem).
Poi guardo uno degli orologi che mi piacciono di più, l'IWC PILOT’S WATCH CHRONOGRAPH (IW377709) da €6.050 di listino e vedo che monta un movimento 79320 anch'esso basato sul 7750...
 :o


e.m.

  • *****
  • 3088
    • Mostra profilo
Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #26 il: Gennaio 11, 2022, 19:06:53 pm »
Per me è inguardabile.

Ti riferisci all'orologio o al movimento?
(O magari a entrambi...)
Il movimento.

Scusami, però un Sea D. non va bene come orologio da tutti i giorni?
Con un Rolex più che indossarlo in modo continuativo che ci vuoi fare?
A meno che tu non sia uno di quelli che giudica i Rolex come gli orologi più belli del mondo...

Figurati... porto ininterrottamente dal 2005 il mio GMT II!
Però adesso vorrei dargli il cambio anche per preservarlo per mio figlio e il SD sarebbe il primo candidato se nel frattempo le quotazione dei Rolex non fossero diventate offensive.

In realtà la domanda su questo echo/neutra nasce anche dalla curiosità di capire la "sensatezza complessiva" di questi microbrand, primo perché mi incuriosisce il settore e le modalità di produzione e soprattutto di promozione e comunicazione (lavoro nel marketing di una multinazionale) e poi perché posto che gli orologi "da investimento" siano altri e delle "solite" marche, mi piace capire che tipo di ruolo possano ambire a giocare nel mercato.
Più nello specifico sul secondo punto: un brand come echo/neutra è la fascia alta del settore costituito da brand come Filippo Loreti, MVMT, etc. o la fascia bassa del settore dell'orologeria "vera e propria"?
E già,il problema è indovinare quando ci sarà l'inversione di tendenza.
Con prezzi così alti mi terrei sul sicuro acquistando orologi sottovalutati

S.M.

  • *****
  • 4575
  • Cuore verde d'Italia
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Echo/Neutra: opinioni
« Risposta #27 il: Gennaio 11, 2022, 19:41:58 pm »
In questo periodo stiamo assistendo a quello che già accadde a metà del secolo scorso ossia alla nascita di micro-brand che poi se andiamo a vedere, sono solo degli "incassatori" di movimenti.
Cioè comprano o si fanno fare dei calibri minimamente personalizzati per poi curare in proprio la realizzazione degli orologi come design. Anche le casse e quadranti su loro disegno vengono realizzati fuori.

In questo la globalizzazione ha reso ancora più facile degli anni '30 o '40 attingere a fornitori esterni che oramai possono essere sparsi in ogni parte del mondo.

I veri nuovi brand che possono avere un futuro come manifattura sono pochissimi perchè per fare movimenti, casse, quadranti occorrono ingenti investimenti che hanno un ritorno non assicurato ed in tempi piuttosto lunghi.
Poi non ci si improvvisa manifattura da un giorno all'altro. Prima di essere considerati occorrono anni di sacrifici, dimostrare le proprie capacità, farsi un nome insomma.
Molto più facile mettere su un laboratorio di assemblaggio, fare orologetti da massimo 1.000/1.500€ per occupare una piccola fetta della parte bassa del mercato e guadagnarsi la stozza.
Ciò che non si muove non si usura.......Quello che non c'è non si rompe.