Orologico Forum 3.0

Produzione delle Maisons

Produzione delle Maisons
« il: Maggio 26, 2015, 12:19:14 pm »
Ho ricevuto il numero di aprile di PME Magazine, una rivista svizzera dedicata alla piccole e medie imprese.
In questo numero si parla soprattutto di orologeria e vi sono molti "numeri"; addetti, produzione, cifre d'affari.

Inserisco, di seguito, il nome dell’azienda, poi rispettivamente gli addetti, il numero di orologi prodotti e la cifra d’affari (in milioni di Franchi).

Aerowatch 21, 25000, 15
Alfex 20, 70000, 15.5
Alpina 15, 18000, 9.8
Antoine Martin 3, 40, <1
Armand Nicolet 21, 6500, 6.5
Armin Strom 25, 450, 5.2
Arnold&Son 18, 1200, 20
Atlantic 15, 60000, 6.5
Audemars Piguet 1300, 35000, 710
Auguste Reymond 11, 12500, 5.6

Badollet 3, 30, 2
Baume & Mercier 230, 95000, 110
Bedat 25, 3500, 7.5
Bell & Ross 56, 65000, 45
Blancpain 540, 25000, 300
Breguet 900, 31000, 750
Breitling 400, 160000, 360
Breva 12, 200, 3
Bucherer 160, 25000, >100
Bulgari 600, 35000, 240
Bulova Swiss30, 150000, 50

Cartier 1600, 550000, 2.4 miliardi
Cattin 20, 40000, 5.5
Certina 100, 650000, 170
Chanel 350, 25000, 250
Chaumet 12, 2500, 40
Chopard 2000, 80000, 600
Christoph Claret 100, 100, 18
Chronoswiss 40, 5000, 6
Cimier 5, 25000, 6
Concord 8, 25000, 10
Corum 105, 9000, 54
Cuervo & Sobrinos 14, 3600, 7.5
Cyrus 5, 1500, 3

De Bethune 20, 300, 5
De Grisogono 170, 800, 8
DelaCour 5, 450, 2
Delance 4, 500, <1
Delma 15, 65000, 6.5
DeWitt 60, 1000, 20
Dior 70, 22000, 50
Doxa 12, 80000, 9
Dubey & Shaldenbrand 7, 300, 1.3
DuBois et Fils 2, 300, >1

Ebel 35, 30000, 31
Eberhard 20, 18000, 35
Edox 20, 100000, 40
Enicar 15, 20000, 10
Ernest Borel 40, 150000, 39
Eterna 40, 150000, 39
Evilard 2, 300, 0.5

Festina-Candino 3400, 170000, 360
Flik Flak 20, 100000, 20
Fortis 15, 13000, 10
Fossil Suisse 15000, 400000, 3.6 miliardi di dollari
Franck Muller Watchland 530, 45000, 400
Francois Paul Journe 125, 900, 14
Frederique Constant 170 (con Alpina), 150000, 110

Girard Perregaux 350, 18000, 170
Glycine 15, 7500, 5
Graham 30, 5500, 15
Greubel Forsey 100, 100, 20
Grovana 35, 100000, 10
Gucci Group 150, 550000, 190
Guenat 70, 4000, 25

Hamilton 30, 190000, 100
Hanowa (con Roamer) 35, 400000, 27
Harry Winston 150, 6000, 110
Hautlence 12, 350, 6
Hermes 320, 100000, 160
H. Moser & Cie. 50, 1000, 10
Hublot 450, 40000, 450
Hysek 30, 230, 10.5
HYT 12, 230, 4.5

IWC 1100, 105000, 900

Jaeger-LeCoultre 1400, 80000, 1.1 miliardi
Jaermann & Stubi 4, 1000, 3.5
Jaquet Droz 65, 3500, 46
Jean Dunand 10, 50, 2
Jeanrichard 15, 2000, 4.5
Julien Coudray 40, 500, 1.5

Laurent Ferrier 12, 100, 5
Lebeau-Courally 2, 100, >1
Limmex 15, 10000, 3
Leroy 50, 150, 5
Longines 770 (compresi 270 collaboratori da Eta), 1.2 milioni, 1.4 miliardi
Louis Chevrolet 25, 1000, 1
Louis Erard 26, 17000, 11
Louis Moinet 10, 500, 7
Louis Vuitton 80, 23500, 65

Maitre du Teps 10, 500, 9.5
Manufacture Royale 5, 150, <1
Marvin 8, 5000, 1.7
Maurice de Mauriac 2, 400, 0.8
Maurice Lacroix 250, 90000, 85
MB&F 20, 280, 14.6
Mido 40, 155000, 110
Milus 9, 3000, 8
Mondaine 110, 900000, 48
Montblanc 130, 100000, 230
Movado 100, 80000, 90

Off. Panerai 450, 75000, 320
Omega 1000, 730000, 2.5 miliardi
Oris 60, 58000, 52

Parmigiani 80, 6000, 155
Patek 2000, 55000, 1.15 miliardi
Paul Picot 17, 2500, 4
Perrelet 30, 10000, 15
Philippe Charriol 86, 40000, 35
Piaget 550, 26000, 580
Pierre DeRoche 2, 250, 1

Rado 470, 370000, 480
Ralph Lauren 35, 3000, 25
Raymond Weil 230, 200000, 130
Reconvilier 2, 300, <1
Richard Mille 120, 2900, 150
Romaine Jerome 20, 2200, 5
Roger Dubuis 250, 4500, 52.5
Rolex con Tudor >10000, 1050000, 5.4 miliardi
Romain Gauthier 10, 500, 2.5
Roventa-Henex (qui siamo nel Privat Label) 100, 350000, 16
Rudis Sylva 6, 12, 1.2

Schwarz-Etienne 15, 800, 5
Speake-Marin 12, 700, 1.5
Swatch 1500, 16.2 milioni, 760

Tag Heuer 900, 600000, 1.050 miliardi
TechnoMarine 15, 140000, 40
Tissot 300, 4.2 milioni, 1.25 miliardi
Titoni 70, 165000, 63
Tudor 165, >250000, 400

Ulysse Nardin 460, 20000, 200
Urwerk 17, 150, 2

Vacheron >1000, 25000, 690
Van Cleef & Arples 150, 4000, 80
Victorinox 120, 590000, 160
Voutilainen 15, 50, 3.6
Vulcain 18, 4000, 5.2

Wenger 60, 370000, 40

Zenith 320, 36000, 170
Zeno Watch Basel 23, 27000, 5.5


« Ultima modifica: Maggio 30, 2015, 00:42:01 am da Croix_de_Malte_® »
Comu lu nonnu!
"La fuffa è l'unico elemento di un orologio che mantiene il suo valore nel tempo." Cit. alanford, 28.11.2016 alle 10:49:55

mbelt

  • *****
  • 5542
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #1 il: Maggio 26, 2015, 12:21:05 pm »
Buongiorno a tutti.
Dopo il topic per scherzare un pò, parliamo di cose serie.
Ho ricevuto il numero di aprile di PME Magazine, una rivista svizzera dedicata alla piccole e medie imprese.
In questo numero si parla soprattutto di orologeria e vi sono molti "numeri"; addetti, produzione, cifre d'affari.
Vi interessano?
Eccome. È un dato sempre molto importante.
Contro ogni talebanismo, ora e sempre

Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #2 il: Maggio 26, 2015, 12:23:59 pm »
Posta, posta.

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #3 il: Maggio 26, 2015, 13:07:09 pm »
Come detto interessano eccome! :)
Sono certi numeri che più di ogni altra cosa danno la misura di certe derive e certi fenomeni.
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

erm2833

Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #4 il: Maggio 26, 2015, 15:44:20 pm »
Con te posso essere sincero:no.
Se un'azienda produce 10 o 10'000 orologi non mi importa,cosi' come se fattura 50 o 5 milioni di Sfr.
A me interessa che si producano orologi interessanti,sotto tutti i punti di vista.
erm.

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #5 il: Maggio 26, 2015, 15:52:44 pm »
Le due cose sembrano slegate, ma evidentemente non lo sono. :)
Non è un caso che gli orologi più interessanti e meglio realizzati si sono prodotti, almeno nell'alto di gamma, quando i volumi di produzione erano 1/10 degli attuali e anche meno.
I numeri di un'industria sono lo specchio del suo stato "di salute", e vanno saputi leggere perchè molto spesso il loro significato è l'opposto di quello che ad una lettura disattenta e superficiale potrebbe apparire.
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

mbelt

  • *****
  • 5542
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #6 il: Maggio 26, 2015, 15:54:24 pm »
Con te posso essere sincero:no.
Se un'azienda produce 10 o 10'000 orologi non mi importa,cosi' come se fattura 50 o 5 milioni di Sfr.
A me interessa che si producano orologi interessanti,sotto tutti i punti di vista.
erm.
Ma tra i due fattori c'è una correlazione stretta. Con certi numeri gli orologi non sono più interessanti.
Contro ogni talebanismo, ora e sempre

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #7 il: Maggio 26, 2015, 16:36:23 pm »
Esiste una stretta correlazione tra volume della produzione, livello qualitativo del prodotto, dimensionamento del sistema produttivo, che insieme a molteplici altre grandezze sono oggetto di scelte imprenditoriali di carattere economico e strategico.
Questo è vero per tutti i settori produttivi e non certo solo per gli orologi, valgono considerazioni generali analoghe sia che si discuta di un cantiere edile che di un laboratorio orologiero.
Da queste scelte poi discendono a cascata tutta una serie di fenomeni correlati che possono definire le sorti di un intero settore, farne le fortune (come accaduto per l'orologeria d'alta gamma tra gli anni 40 e gli anni 60) o decretarne l'estinzione (come accaduto all'orologeria tutta negli anni 70).

Per esempio, se un intero settore si consegna mani e piedi a soggetti economici portatori di interessi meramente finanziari il cui unico obbiettivo è la massimizzazione del profitto e la valorizzazione dei marchi in quanto asset strategici, a scapito di ogni altro aspetto, le scelte fatte da questi soggetti impatteranno inevitabilmente sull'assetto produttivo del settore stesso, sull'impiego delle risorse, sulla formazione del personale, sulla valorizzazione di certe figure a discapito di altre e sulla scelta di certi sistemi produttivi piuttosto che altri e, in ultima analisi, sul prodotto finito.

D'altronde, se gli orologiai sono una razza in via d'estinzione e sempre più relegata ai margini di quest'industria, e l'orologio d'alta gamma è sempre più un oggetto industriale dal prezzo irragionevole perchè realizzato in serie senza alcun particolare pregio avente come unico pretesto quello di apporvi sopra un marchio che da solo è capace di vendere il prodotto comunque esso sia realizzato e qualunque sia il suo prezzo, è difficile attendersi prodotti interessanti e di qualità da un'industria così concepita e strutturata.

Patek Philippe ha fatto molti dei suoi orologi più belli, interessanti e pregiati in un'epoca in cui forse non andava oltre i 1000 pezzi/anno, è praticamente fallita quando la sua produzione era arrivata a circa 7000 pezzi/anno e ha prodotto alcune delle cose più oggettivamente brutte, scadenti e di scarsa qualità quando di orologi ne produce 60000 pezzi/anno.
Non è un caso.
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

mbelt

  • *****
  • 5542
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #8 il: Maggio 26, 2015, 17:22:36 pm »
Esiste una stretta correlazione tra volume della produzione, livello qualitativo del prodotto, dimensionamento del sistema produttivo, che insieme a molteplici altre grandezze sono oggetto di scelte imprenditoriali di carattere economico e strategico.
Questo è vero per tutti i settori produttivi e non certo solo per gli orologi, valgono considerazioni generali analoghe sia che si discuta di un cantiere edile che di un laboratorio orologiero.
Da queste scelte poi discendono a cascata tutta una serie di fenomeni correlati che possono definire le sorti di un intero settore, farne le fortune (come accaduto per l'orologeria d'alta gamma tra gli anni 40 e gli anni 60) o decretarne l'estinzione (come accaduto all'orologeria tutta negli anni 70).

Per esempio, se un intero settore si consegna mani e piedi a soggetti economici portatori di interessi meramente finanziari il cui unico obbiettivo è la massimizzazione del profitto e la valorizzazione dei marchi in quanto asset strategici, a scapito di ogni altro aspetto, le scelte fatte da questi soggetti impatteranno inevitabilmente sull'assetto produttivo del settore stesso, sull'impiego delle risorse, sulla formazione del personale, sulla valorizzazione di certe figure a discapito di altre e sulla scelta di certi sistemi produttivi piuttosto che altri e, in ultima analisi, sul prodotto finito.

D'altronde, se gli orologiai sono una razza in via d'estinzione e sempre più relegata ai margini di quest'industria, e l'orologio d'alta gamma è sempre più un oggetto industriale dal prezzo irragionevole perchè realizzato in serie senza alcun particolare pregio avente come unico pretesto quello di apporvi sopra un marchio che da solo è capace di vendere il prodotto comunque esso sia realizzato e qualunque sia il suo prezzo, è difficile attendersi prodotti interessanti e di qualità da un'industria così concepita e strutturata.

Patek Philippe ha fatto molti dei suoi orologi più belli, interessanti e pregiati in un'epoca in cui forse non andava oltre i 1000 pezzi/anno, è praticamente fallita quando la sua produzione era arrivata a circa 7000 pezzi/anno e ha prodotto alcune delle cose più oggettivamente brutte, scadenti e di scarsa qualità quando di orologi ne produce 60000 pezzi/anno.
Non è un caso.
Con le dimensioni produttive, oltre alle modalità realizzative  diverse, con un minor o nessun apporto umano sul pezzo finito, cambia la modalità di concepire gli orologi. Bisogna fare solo quello che piace certamente e subito, non si può più rischiare anche sul piano estetico, bisogna fare un prodotto facile per i clienti, bisogna poi investire massicciamente nella pubblicità ed in marketing, insomma diventano inevitabili scelte che secondo me impediscono di fare grandi orologi.
« Ultima modifica: Maggio 26, 2015, 17:35:53 pm da mbelt »
Contro ogni talebanismo, ora e sempre

ilcommesso

Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #9 il: Maggio 26, 2015, 18:14:26 pm »
A me interessano i numeri degli addetti.

Richemont pubblica i dati annualmente, essendo un'azienda quotata.

Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #10 il: Maggio 26, 2015, 19:11:04 pm »
Inserite aziende dalla A alla E.
Con calma inserisco tutto...  :D
Comu lu nonnu!
"La fuffa è l'unico elemento di un orologio che mantiene il suo valore nel tempo." Cit. alanford, 28.11.2016 alle 10:49:55

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #11 il: Maggio 26, 2015, 19:26:25 pm »
Sei un pazzo ;D
Se facevi una foto delle tabelle con lo smartphone e la allegavi in un messaggio non facevi prima?!  :o
I numeri come li leggiamo? Il primo gli addetti, il secondo il volume della produzione e il terzo il volume d'affari (espresso come? 15 cosa? Milioni di chf?)

Grazie sempre  8)
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"

alanford

  • *****
  • 6592
  • Ciampino
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #12 il: Maggio 26, 2015, 20:59:33 pm »
Impressionante il fatturato pro capite!
 

Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #13 il: Maggio 26, 2015, 20:59:58 pm »
Sei un pazzo ;D
Se facevi una foto delle tabelle con lo smartphone e la allegavi in un messaggio non facevi prima?!  :o
I numeri come li leggiamo? Il primo gli addetti, il secondo il volume della produzione e il terzo il volume d'affari (espresso come? 15 cosa? Milioni di chf?)

Grazie sempre  8)

Ma no, è più fruibile così ;)

Ero convinto di aver inserito la spiegazione di come andavano letti.
Ora l'ho messo e comunque era come hai detto tu chiaramente.

Aggiornato fino alla H.
Comu lu nonnu!
"La fuffa è l'unico elemento di un orologio che mantiene il suo valore nel tempo." Cit. alanford, 28.11.2016 alle 10:49:55

ciaca

  • *****
  • 13194
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Produzione delle Maisons
« Risposta #14 il: Maggio 26, 2015, 21:36:30 pm »
Sembrano mancare quelle richemont, quelle Swatch ci sono :)
Alcuni numeri fanno davvero impressione

P.s: Sei un pazzo! ;D
"A megghiu parola è chidda ca un si dici"